COCA COLA E LO SPOT DA MIGLIAIA DI DISLIKE

Coca cola è uno dei marchi più famosi al mondo, e nella sua lunga carriera è riuscita a creare decine se non centinaia di pubblicità più disparate. Ovviamente non poteva farsi scappare l’enorme hype che il mondo del gaming sta avendo in questi anni, ecco perché ha deciso di creare uno spot pubblicitario inerente a questo genere ricevendo però molti dissapori tra gli utenti del web.

La pubblicità in questione è stata caricata su YouTube il 26 settembre e ad oggi conta più di undicimila dislike contro i pochissimi like che superano di poco i mille click. In sé la pubblicità è strutturata molto bene e risulta registicamente al top ma il motivo di tanto disprezzo è da collegarsi ad un altro motivo. Esso si può chiaramente trovare tra i vari commenti rilasciati dai vari utenti di YouTube, e nella maggior parte dei casi viene descritto decisamente imbarazzante e fuori contesto dallo spirito competitivo come quello presente dei famosi tornei eSport.

Nella descrizione del video vengono riportate queste informazioni: 

Scopri la nuova campagna di Coca Cola, la storia di un incontro epico tra due mondi, dove un guerriero impavido e una giovane gamer ci indicheranno la strada per una nuova alba, cambiando il corso della storia e rivelando il vero significato di Real Magic”.

Cercando nel web ci si può poi incappare in questo link che mostra semplicemente una grafica di coca cola e il video pubblicitario.

Coca cola Real Magic sembra sia una nuova piattaforma globale che cerca di unire tutte le persone in un unico posto. 

Coca Cola è un brand definito da dicotomie: popolare ma iconico, autentico ma misterioso, reale ma magico” 

ha affermato Manolo Arroyo, chief marketing officer di The Coca Cola Company. La filosofia di Real Magic è radicata nella convinzione che le differenze possano rendere il mondo un posto più interessante: un luogo di persone straordinarie, opportunità inaspettate e momenti meravigliosi. Rimaniamo quindi in attesa per avere più informazioni su questa nuova iniziativa.

ALAN MINOTTI