CAPCOM PUNTA TUTTO SUI PC

In occasione del Tokyo Game Show non sono mancate le dichiarazioni rilasciate dai rappresentanti delle diverse software house partecipanti. Haruhiro Tsujimoto, COO del colosso CAPCOM, è stato uno dei più ricercati da parte della stampa specializzata, e le sue dichiarazioni, come prevedibile, hanno dato una chiara interpretazione delle tendenze attuali del mondo videoludico.

 

Dopo aver annunciato il rilascio di Monster Hunter Rise su PC, previsto il 12 Gennaio 2022, mostrando una clip decisamente incoraggiante per chi temeva invece un porting poco curato della versione per Nintendo Switch, Tsujimoto ha dichiarato, senza mezzi termini, che il PC sarà la piattaforma che dominerà il mercato nei prossimi anni, andando a bilanciare, se non addirittura a superare, la mole di vendite dei titoli videoludici su console.

“We will expand our business for dedicated game consoles, which has been the mainstream up to now, but PC will be the mainstream in the future”

Quindi, pur senza abbandonare il mercato dedicato a device specializzati per le finalità videoludiche, il PC avrà un occhio di particolare riguardo per il futuro da parte degli sviluppatori di Capcom. Questa scelta peraltro sarà probabilmente condivisa anche da altri produttori e distributori, visto che l’ultimo anno e mezzo, per via della pandemia di Covid 19 ha visto moltiplicarsi le vendite di PC di vario genere, in forza della loro natura versatile che permette di usarli per lavorare, studiare e informarsi, oltre che per giocare naturalmente. Gli smartphone, su cui si era spostato il focus di molte software house negli anni passati, seppur con delle eccezioni, si sono rivelati poco adatti a un utilizzo così intensivo, anche solo per i limiti fisici dovuti alle dimensioni del display.

Inoltre, il pubblico dei videogiocatori su PC si è da sempre dimostrato estremamente fidelizzato: basti pensare al fatto che Resident Evil 7, per restare in casa Capcom, vende ancora oltre un milione di copie all’anno dell’edizione PC, e su Steam ogni giorno ci sono oltre 100mila utenti che giocano su Resident Evil Village. Il mercato console invece vede un rapido avvicendarsi degli oggetti del desiderio dei vari utenti, costantemente contesi da titoli pompatissimi al day one nonostante la presenza di bug a iosa (e gli esempi qui si potrebbero sprecare).

Non ci resta che attendere gli sviluppi di questa nuova tendenza del mercato, sperando non siano troppo esosi in termini di requisiti di sistema per i giocatori PC.

ANTONIO RECUPERO