GESÙ SBARCA NEL MONDO VIDEOLUDICO

Come molti sanno il trash nei videogiochi non manca assolutamente e i titoli come Surgeon Simulator, Goat Simulator, I Am Bread e molti altri danno la conferma di questa affermazione. Gli sviluppatori di SimulaM però hanno voluto fare un passo avanti e hanno deciso di creare un videogioco sul famoso messia cristiano e il titolo del gioco è I Am Jesus Christ.

È stato pubblicato dagli sviluppatori un video diario con alcuni spezzoni di gameplay, ed è stato cambiato il motore grafico passando da Unity a Unreal Engine. I video che sono stati pubblicati dopo questo cambio mostrano un miglioramento grafico e grazie al nuovo video di qualche giorno fa si possono ammirare i benefit dell’engine di Epic Game.

Nel trailer qui sopra viene mostrata una grafica in prima persona, e il gioco sarà incentrato su uno degli avvenimenti più importanti della vita di Gesù, cioè il suo vagabondaggio di 40 giorni nel deserto, durante i quali incontra personaggi come Satana che cerca di portarlo in tentazione più e più volte. In questo trailer si possono assaporare gli ultimi tre giorni di questa avventura.

Nel mese di settembre SimulaM aprirà la pagina Kickstarter di I Am Jesus Christ per poter avere i fondi necessari a ottenere un prodotto più professionale possibile, e la descrizione del gioco qui sotto preannuncia un titolo che farà fatica a non varcare il piccolo strato tra eresia e trash.

Torna indietro nel tempo di oltre 2000 anni e segui lo stesso cammino di Gesù Cristo, dal suo battesimo alla risurrezione. Ispirato alle storie del Nuovo Testamento, “I Am Jesus Christ” è una simulazione come nessun’altra. Ricarica il potere dello Spirito Santo attraverso la preghiera mentre concetti nuovi di zecca funzionano insieme a racconti senza tempo. I am Jesus Christ si ispira al Nuovo Testamento e spera di diffondere il Vangelo in modo unico e coinvolgente. Viaggia in oltre 10 ore di gioco attraverso il deserto, l’acqua e le montagne fino alla crocifissione e risurrezione di Cristo”.

Chi considera i videogiochi uno strumento del demonio avrà qualche piccola confusione probabilmente…

ALAN MINOTTI