FINAL FANTASY XIII: IL RITORNO SU GAME PASS

Tra i nuovi giochi inseriti nel Game Pass di settembre possiamo trovare uno dei titoli di Square Enix che ha fatto un po’ storcere il naso ai fan della serie, ma sembra che questa versione sia migliore rispetto a quella presente in Steam.

Questa situazione è successa anche a NieR Automata, e per anni i giocatori hanno aspettato invano un patch da parte di Platinum Games, che è arrivata nel momento in cui il gioco è stato inserito nel Game Pass. Una condizione simile si è verificata anche con Final Fantasy XIII.

Il tredicesimo capitolo di Final Fantasy è stato pubblicato per Playstation 3 e Xbox 360 tra il 2009 e il 2010 ed è il primo della serie Fabula Nova Crystallis, comprendente anche Final Fantasy Type-0 (ottobre 2011), Final Fantasy XIII-2 (dicembre 2011), e Lightning Returns: Final Fantasy XIII (febbraio 2014).

A differenza del precedente capitolo (che ha rivoluzionato il sistema di combattimento della saga), Final Fantasy XIII rispolvera le vecchie meccaniche ATB aggiungendo novità al suo interno. I combattimenti risultano più veloci e frenetici con menù più rapidi e catene di attacchi consecutivi (fino a sei) che cambiano automaticamente a seconda del tipo di nemico che si affronta, senza dimenticare le magnifiche animazioni presenti nel combattimento.

Questo titolo si svolge in un mondo fittizio di nome Cocoon in cui il governo Sanctum sta ordinando l’epurazione dei civili che presumibilmente sono entrati in contatto con Pulse, il temuto mondo sottostante. Qui inizia l’avventura di Lightning insieme ai suoi cinque compagni in lotta contro l’oppressione di questo ente crudele e spietato.

L’ambientazione molto futuristica sfortunatamente ha plagiato le varie invocazioni presenti, infatti le famose creature mitologiche vengono mostrate in versioni robotica e sembrano uscite da Transformers. Questo comunque non pregiudica la qualità del gioco, e seppur non sia ai livelli dei capostipiti come Final Fantasy VII, l’ho trovato divertente da giocare.

Per concludere, in molti si sono chiesti se la versione Steam verrà mai aggiornata, ed è difficile dirlo, ma sembra che Square Enix abbia voluto puntare sul Game Pass per presentare al meglio il suo prodotto seppur datato, di conseguenza per chi volesse provarlo è l’occasione d’oro visto il prezzo di 1 euro dell’abbonamento Game Pass cliccando sul banner in fondo all’articolo.

ALAN MINOTTI