DOKEV: UN MONDO PIENO DI COLORI

Non si sono ancora spenti gli echi della Gamescom 2021, e tra tutti i giochi presentati DokeV è uno di quelli che ha riscosso più interesse tra il pubblico.Nei quattro minuti di trailer si rivela quasi tutto del gioco, e sono presenti ambientazioni colorate e gameplay decisamente frenetico. Per chi ha seguito le vicende passate di DokeV saprà sicuramente che questo titolo era pensato come un MMO (e il primo trailer ne dà la conferma), ma è stato proprio il team di Pearl Abyss a dichiare che questo gioco sarà principalmente in single player senza però smentire o confermare una possibile sezione multiplayer.

Il Lead Producer di DokeV, Sangyoung Kim ha poi affermato: 

“sebbene il gioco sia ancora in fase di sviluppo, il team è fiero di quanto mostrato attraverso il trailer e confida di riuscire a superare persino le più rosee aspettative dei giocatori”

 e dalla clip devo dire che mi ha fatto venire proprio voglia di giocarci.

In DokeV il giocatore deve principalmente andare alla ricerca di creature ancestrali della mitologia coreana che vengono chiamate Dokebi. All’interno di un mondo open world molto vasto e pieno di colori, queste creature rappresentano i sogni e le ambizioni dell’umanità e, seppur invisibili all’occhio umano, vivono a stretto contatto con loro e traggono forza dai desideri delle persone in una forma di cerchio simbiotico.

Nel trailer possiamo scrutare molte ambientazioni e le fasi di gameplay che, seppur assomiglino vagamente a Kingdom Hearts 3, sono nettamente superiori (infatti quest’ultimo titolo non ha soddisfatto l’estenuante attesa della sua uscita). Per via della vastità della città, gli sviluppatori hanno deciso di inserire svariati metodi di spostamento che vanno dal classico skateboard, ai mezzi come macchine in miniatura, fino a lacci che fanno diventare il protagonista simile al nostro amato Spiderman di quartiere.

Nella trama il giocatore impersona un ragazzino che possiede l’abilità di vedere i Dokebi, e il suo obiettivo è quello di esplorare l’ambiente circostante per cercare tutti i mostriciattoli presenti e acchiapparne il più possibile (e se ve lo state chiedendo si, sta cercando di farla in barba ai Pokemon). Non si sa ancora il modo in cui verrà strutturato questo meccanismo, ma in alcune scene del trailer si possono vedere delle trappole simili a quelle dei Ghostbusters che catturano il nemico.

Con certezza si sa però che saranno al nostro fianco a combattere contro nemici di piccola dimensione insieme a titanici mostri pronti a farci la pelle. Per contrastarli il protagonista avrà a disposizione svariate armi differenti tra loro, come per esempio dei martelli giganti, delle bombe, delle pistole ad acqua e persino degli aspirapolveri.

Questo frenetico titolo che è stato presentato alla Gamescom 2021 ha stupito me come centinaia di altri. I suoi colori sgargianti, il level design, il gameplay e il sistema di combattimento sembrano promettere un titolo pieno di ambizioni che sono prossime a realizzarsi.

ALAN MINOTTI