HIRONOBU SAKAGUCHI: IL PAPÀ DI FINAL FANTASY VA IN PENSIONE

HIRONOBU SAKAGUCHI: IL PAPÀ DI FINAL FANTASY VA IN PENSIONE

Il regista e autore di videogiochi Hironobu Sakaguchi ha dato la triste notizia del suo pensionamento, che è stata rivelata dopo il completamento del gioco per sistemi mobile Fantasian.

Ma prima di fare ciò il fondatore dello studio Mitwalker e padre di Final Fantasy ha deciso di rilasciare un’intervista al The Washington Post parlando di molti temi a lui cari, a partire dall’opera che lo ha fatto diventare famoso, arrivando a spiegare da dove è scaturito uno dei nomi più popolari nel mondo del gaming.

Come molti sanno, i titoli che precedono Final Fantasy sono stati dei fallimenti, ed è proprio da questo tema che parte Sakaguchi. Sono molteplici i giochi usciti negli anni ‘80 dalla Square che non hanno raggiunto il successo, ma è proprio quando viene progettato Final Fantasy che le cose iniziano a cambiare drasticamente.

Qual è però il motivo per cui questo gioco ha preso questo nome? Anche questo è collegato ai vari insuccessi che perseguitavano Square. Dopo le decine di delusioni, Sakaguchi decide quindi di dare sfogo alla sua fantasia per un’ultima volta prima di ritirarsi da questo mondo, ed è proprio da qui che nasce il titolo Final Fantasy. E per sua fortuna il gioco si rivela in pochissimo tempo un ottimo prodotto che lo fa desistere dal dare le dimissioni.

A testimoniare questo enorme successo ci sono i quindici titoli (con il sedicesimo in arrivo) che vanno dal lontano 1987 fino all’odierno 2021, senza contare i vari spin off come Crisis Core, Dirge Of Cerberus e molti altri che ampliano esponenzialmente questo universo fantastico. Sakaguchi ha deciso comunque di dedicarsi per l’ultima volta ad un videogioco, e ha scelto Fantasian, titolo presente su Apple Arcade.

Proprio perché è il suo ultimo titolo, Sakaguchi ha deciso di collaborare con Nobuo Uematsu anch’esso famoso nel mondo di Final Fantasy per le sue straordinarie colonne sonore, promettendo un ultimo titolo degno di nota. 

“Mi sono detto che se questo sarebbe stato il nostro ultimo progetto, volevo essere sicuro di non lasciare nulla di scoperto” 

Sono state queste le parole di Sakaguchi dopo aver completato il suo ultimo gioco, che lasciano in molti di noi fan una vena di malinconia. Spero però che la sua passione e la sua bravura sia stata trasmessa a qualche giovane allievo, che potrà portare alla nascita di un nuovo talento “targato” Hironobu Sakaguchi.

ALAN MINOTTI