END UP, ALLA RISCOSSA PER LA SALVEZZA DELL’UMANITÀ

Siamo nell’anno 2023, un agente di nome Veer ha un compito arduo da compiere, ovvero, salvare l’umanità da una piaga d’orrore e morte. Queste le informazioni che ci fornisce immediatamente la demo del gioco.  Partendo dalle caratteristiche tecniche, End Up, la cui data di uscita viene data per imminente, è il frutto del lavoro di una start up Indiana di nome “Mass Studio”, al suo primo titolo videoludico. Il gioco si presenta come un action thriller in prima persona, con classici riferimenti ad altri “cugini” più famosi e alle loro peculiarità. Il nostro impavido Veer viene inviato in una missione poco comprensibile, che si intreccia tra passato, futuro e presente, e lui dovrà riportare l’ordine in mezzo al caos causato da un virus che ha annientato in maniera violenta la popolazione della terra. Secondo la descrizione, il videogiocatore avrà la possibilità di visitare anche “l’inferno”, il quale pullulerà di mostri, pipistrelli ed anime.  Senza affondare nelle critiche, poco sono propenso a credere che questo primo frutto della start up riuscirà a stupire il pubblico. La demo ha in sé numerosi difetti, tra cui prevalentemente il sistema dei comandi e l’utilizzo di oggetti vari della mappa; un esempio che fornirei è l’utilizzo della pistola, tanto pubblicizzata nel trailer ma che di fatto non sono stato in grado di equipaggiare.  In conclusione, trovo curioso il loop temporale, la capacità di compiere viaggi spazio-temporali tra dimensioni differenti ed il collegamento con la dannazione infernale. Il titolo ha tutte le carte in regola per creare una storia soddisfacente e proporre un contenuto originale, tuttavia il problema principale, come presentato durante la fine della demo, potrebbe sussistere nell’assenza di sufficienti risorse economico-finanziarie per creare qualcosa di decente.  Con la speranza che la versione definitiva di questo titolo ci deluda di meno rispetto alla demo, non possiamo far altro che sperare o in alternativa cofinanziare il progetto attraverso una donazione diretta!  CESARE CHIARA