PLAYSTATION VR 2: NEXT GEN VIRTUAL EXPERIENCE

L’uscita nel lontano 2014 di Playstation VR per la quarta figlia di casa Sony ha diviso gli utenti. Da una parte si può trovare chi lo ha apprezzato e ci ha giocato fino allo sfinimento, e dall’altra chi non riusciva a tenerlo addosso per più di dieci minuti per via della sensazione di vomito che procurava. Io personalmente mi trovo nel mezzo. L’ho trovato innovativo e sono riuscito a giocare tutto Resident Evil 7, ma devo ammettere che i pixel erano ben visibili e il fastidio alla vista si presentava molto rapidamente.

Per quanto questo dispositivo non abbia avuto un riscontro positivo, e sia andato in parte nel dimenticatoio, Playstation non si è data per vinta. Sembra infatti che in questi giorni siano emerse delle specifiche tecniche di quello che sembra un Playstation VR 2, il visore di realtà virtuale che andrà a braccetto con Playstation 5.

A mettere in giro questo rumor è stato il canale youtube chiamato PSVR Without Parole, e sembra essere attendibile viste le anticipazioni che ha fatto in passato a tema playstation VR. Le dichiarazioni sono state rese pubbliche tramite un video in cui vengono mostrate le caratteristiche del dispositivo dopo un incontro tra Sony e alcuni team di sviluppo. Tra le informazioni emerse troviamo l’inserimento di un pannello Fresnel OLED con una risoluzione di 2000×2040 pixel per occhio, il supporto all’HDR e ad un FOV di 110 gradi (cioè il field of view che sarebbe l’estensione del campo visivo).

Senza nessun preavviso Sony ha anche deciso di svelare i nuovi controller per VR 2. Essi presentano un design unico ed ergonomico, pensato per garantire comodità e maneggevolezza. Oltre a questo, presentano dei grilletti adattivi e un rilevamento tattile che rende l’esperienza di gioco una vera e propria bomba.

Oltre al foveated rendering che esegue il rendering di meno pixel nelle aree periferiche mantenendo la risoluzione più alta al centro della visione, si utilizzerà anche la Flexible Scaling Resolution, sistema che varia la risoluzione in base al punto di vista del giocatore, cosa possibile tramite l’implementazione di un eye tracking (quindi il problema di cui parlavo all’inizio dovrebbe sparire). Viene anche spiegato che al suo interno sarà presente un feedback aptico, non solo sui nuovi controller in dotazione, ma anche sul visore stesso, portando il giocatore in un vero e proprio mondo parallelo.

In conclusione, Sony sembra voglia non solo creare un’esperienza rivoluzionaria per il giocatore, ma soprattutto focalizzarsi nel supporto alle grosse produzioni che porteranno gli utenti a poter giocare ogni titolo in commercio. In ogni caso per avere le idee chiare su questo progetto bisogna aspettare ancora qualche mese, visto che si parla di un reveal previsto per l’inizio del 2022. Quindi in attesa di questo prodotto non ci resta che riesumare il nostro VR e giocare ai giochi più belli usciti per questo device per Playstation 4.

ALAN MINOTTI