GOOGLE DOODLE OLYMPICS: UN BROWSER GAME DA MEDAGLIA D’ORO

Chiunque utilizzi Google (e quindi chiunque utilizzi internet, direi) sa che il motore di ricerca più famoso del mondo realizza spesso versioni animate o interattive del proprio storico logo, in occasione di eventi e ricorrenze di ogni tipo (dalla Giornata della Memoria alla Giornata dell’acaro domestico, per intenderci).

La maggior parte di queste ricorrenze vedono piccole animazioni o giochini abbastanza elementari ispirati all’evento del giorno, utili per ingannare il tempo al lavoro durante le giornate più fiacche, ma non molto più di questo.

Eppure, in occasione delle Olimpiadi di Tokyo 2020 (che come ben sappiamo sono state posticipate di un anno per via della pandemia di Covid-19), il motore di ricerca più famoso del mondo ha voluto regalarci un vero e proprio gioiellino: cliccando sul doodle attualmente presente in homepage si avvia un’animazione che introduce un rpg zelda-alike che ci vede nei panni di Lucky, ambiziosa gattina atleta che si trova ad esplorare una misteriosa isola orientale dove ogni 4 anni (e a volte con uno di ritardo) si ritrovano campioni di tutto il mondo per misurarsi in versioni “alternative” di vari sport presenti anche nella reale competizione olimpica, il tutto dopo aver scelto una squadra di appartenenza tra le quattro presenti (la scelta non fornisce abilità particolari, ma sarà comunque utile ai fini di una classifica tenuta da Google).

Avremo Rugby, Nuoto Sincronizzato, Ping Pong, Skateboard, Maratona, Tiro con l’arco, Arrampicata. E Lucky dovrà misurarsi nelle varie discipline (il cui gameplay è ispirato ad alcuni grandi classici videoludici) per conquistare le pergamene da campionessa che le permetteranno di completare il gioco. Nel corso dell’esplorazione della mappa alla ricerca dei vari ambienti di gara, Lucky incontrerà una serie di personaggi che le potranno assegnare delle missioni secondarie, il cui completamento fornirà punteggi validi ai fini della classifica generale.

La realizzazione del gioco è pregevole, il gameplay articolato e vario regala, per chi voglia ben esplorare la mappa e provare tutte le missioni, anche qualche ora di divertimento, e in effetti è difficile staccarsi dallo schermo una volta iniziato il percorso. Inoltre, c’è una notevole ironia di fondo in tutti i passaggi di gioco, che rendono l’esperienza ancora più piacevole.

Se vorrete entrare nello spirito olimpico e divertirvi un po’, avete a disposizione uno strumento gratuito e ben fatto, che sarà molto apprezzato dai nostalgici di Gameboy e console a 8 bit. E se deciderete di far parte della squadra verde, mi  aiuterete ad ottenere un miglior posto in classifica!

ANTONIO RECUPERO