GAME DEVELOPERS CHOICE AWARDS: IL VINCITORE DELL’ANNO È… HADES!

Sì gente! Il roguelike sviluppato e pubblicato da Supergiant Games è riuscito a vincere il premio di gioco dell’anno durante la ventunesima Game Developers Choice Awards.

Tra tutti i candidati Hades si è rivelato il più promettente, offrendo un sistema di gioco vivace e un design veramente accattivante. Oltre a questo traguardo memorabile è riuscito ad aggiudicarsi anche il titolo di best audio e best design awards, ed è stato elogiato e riconosciuto per aver combinato gli aspetti migliori di titoli come Bastion per l’azione frenetica, Transistor per l’atmosfera e la profondità decisamente ricca e la narrazione basata sui personaggi di Pyre.

Ovviamente non è stato l’unico a ricevere degli elogi, infatti lo straordinario Dreams sviluppato da Media Molecula ha ottenuto il premio di Innovation award grazie al suo sistema di gioco inconfondibile e decisamente rivoluzionario. Il suo gameplay per la creazione di videogiochi ha stupito centinaia di utenti che hanno riportato in vita decine e decine di titoli finiti nel dimenticatoio, riuscendo talvolta a strutturarne alcuni quasi meglio degli originali.

Ghost Of Tsushima, creato dalle menti di Sucker Punch Productions, non poteva assolutamente mancare alla cerimonia. La sua narrazione e il suo gameplay ai limiti dell’ira funesta sono riusciti a fargli ottenere il premio per la miglior arte visiva e il premio del pubblico. Questo titolo ispirato al mondo nipponico è riuscito a far appassionare molti amanti il rischio. Premio ampiamente meritato.

Passiamo ora a The Last Of Us Parte 2 sviluppato da Naughty Dog. Ampiamente criticato durante l’ultimo anno, a mio parere avrebbe meritato anch’esso il premio come miglior gioco. La sua fantastica narrazione è al pari del suo predecessore, e il suo gameplay è risultato anche superiore. Sfortunatamente è riuscito ad aggiudicarsi solo il premio per la miglior narrazione, cosa scontata viste le lacrime versate da noi amanti del genere.

Vi ricordo che potete recuperare la cerimonia in versione integrale nell’archivio del canale Twitch di GDC

ALAN MINOTTI