MUSICA GALATTICA ANNI ‘80!

Molti di noi hanno amato, e amano tuttora, i prodotti cinematografici Marvel (anche se negli ultimi tempi sta facendo qualche caz..ta), e in particolare molti adorano la serie dei Guardiani Della Galassia. È stato presentato pochi giorni fa, a una delle conferenze E3 2021, proprio il gioco dedicato a questi scapestrati spaziali, e dopo aver visto la magnificenza grafica, e quello che sembra un ottimo gameplay, come potevo non parlarne? Ma visto che in questi giorni è un trend parlare del gioco, voglio invece darvi qualche chicca sulla colonna sonora dei film.

GUARDIANI DELLA GALASSIA

Tutto parte nell’agosto del 2013, quando James Gunn (regista dei due capitoli di questa serie, e del film The Suicide Squad: Missione suicida in uscita nel 2021) pubblica un post sulla sua pagina facebbok, dichiarando che Tyler Bates avrebbe composto la colonna sonora del primo Guardiani della Galassia, aggiungendo che gli avrebbe fatto comporre subito alcune canzoni, per poter girare le riprese, per sentire la musica sul set. Successivamente, nel febbraio del 2014, sempre Gunn, rivela che all’interno del film ci sarebbero state delle canzoni di veri artisti anni 70 e 80, proprio nel walkman di Peter Quill, come Hooked on a Feeling (presente nella prima parte del film), cosa che collega indissolubilmente Peter alla terra, creando un forte legame con essa.

Passano i mesi ed arriva maggio 2014, e sempre il regista aggiunge che le musiche sono un punto cardine e culturale per Peter, dicendo anche che “crea un bilanciamento per tutto il film, in un modo che è unico, ma al tempo stesso facilmente accessibile a tutte le persone”. Gunn infatti vuole precisare (e si nota) che Peter proviene dalla terra, e lo fa appunto tramite la musica e i ricordi del pianeta da cui proviene, cosa che accomuna tutti noi esseri umani.

Vengono introdotte anche canzoni come Never Been to Spain (Three Dog Night), Magic (Pilot) e Livin’ Thing (Electric Light Orchestra), ma alla fine non vengono “pubblicate” perché le scene che le contengono vengono tagliate nel montaggio finale. Infine, a fine luglio del 2014, vengono pubblicati 2 album musicali, dove nel primo sono raccolte le musiche originali e prende il titolo di Guardians of the Galaxy (Original Score), distribuito dalla Hollywood Records mentre il secondo, racchiude le canzoni presenti nel walkman, chiamato Guardians of the Galaxy: Awesome Mix Vol. 1 (Original Motion Picture Soundtrack) distribuito dalla stessa casa discografica in collaborazione con Marvel Music.

GUARDIANI DELLA GALASSIA VOL. 2

Ancor prima dell’uscita del primo film, James Gunn dichiara di avere diverse idee sulle canzoni da inserire nell’Awesome Mix Vol. 2 di Quill, ma poi rimane in silenzio fino al 2015, quando rivela di sentirsi un po’ sotto pressione riguardo alla scelta della musica, dicendo: “così tante persone hanno amato quelle del primo film, e abbiamo ottenuto il disco di platino e cose così. Ma penso che la colonna sonora del secondo film sia migliore”, affermando pochi mesi dopo che le canzoni erano state scelte. Gunn e Tyler Bates, compongono anche una canzone dal titolo “Guardian’s Inferno”, facendola interpretare da David Hasselhoff (per chi non lo sapesse è il protagonista di Supercar e Baywatch e di tante altre serie tv e film), idolo indiscusso di Peter. Arriva il 2016, e se ne esce ancora il regista, dicendo che ha inserito una canzone di David Bowie, sia perché era uno dei suoi idoli, sia per commemorarne la scomparsa (una sua canzone, Moonage Daydream, venne anche messa nel primo capitolo).

GUARDIANI DELLA GALASSIA IL GIOCO

Dalla conferenza E3 di Square Enix, oltre a vedere la bellezza del gioco, abbiamo saputo anche qualcosa riguardo alla musica. È chiaro che questo titolo avrà una solida e robusta colonna sonora (per non fare brutta figura dinanzi al film), e infatti l’editore ha annunciato che: “I Guardiani della Galassia della Marvel non sarebbero completi senza una colonna sonora da urlo” e ha confermato anche, che numerose canzoni degli anni 80 saranno presenti nel titolo, aggiungendo che sono stati acquisiti molti diritti per esse (diciamo che i soldi non gli mancano). Una delle canzoni che possiamo ascoltare nel trailer (a circa 8 minuti e mezzo) è Holding out for a hero di Bonnie Tyler, appunto, icona degli anni 80 e non solo.

Per gli appassionati Marvel, questo è stato uno dei migliori capitoli prodotti dalla famosa casa di fumetti (che ormai da alcuni anni è di proprietà della Disney), e sono sicuro che una software house come Square Enix, sarà all’altezza di creare un titolo che appassionerà grandi e piccini, con effetti speciali da urlo e grafica degna delle console Next Gen come Playstation 5 e Xbox Series. In conclusione, vi lascio il trailer del gioco, dove è possibile anche sentire la canzone sopra citata.

ALAN MINOTTI